Caporalato, la decisione per 4: nessuna concessione

Mondragone. Nessuna concessione. Il Tribunale del Riesame di Napoli ha confermato le misure cautelari personali spiccate dal gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere nei confronti di Gennaro Bianchino (custodia cautelare in carcere), Pasquale Miraglia (arresti domiciliari), Vincenzo Miraglia e Francesco Pagliaro (obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria), in merito al reato di associazione a delinquere dedita allo sfruttamento del lavoro e dell’intermediazione illecita di manodopera.

 

Il sistema

I braccianti, soprattutto donne, erano costretti a lavorare 6-7 giorni a settimana con turni dalle 7 alle 12 ore, e per appena 4,50 euro all’ora tra i campi di Mondragone, Castel Volturno, Falciano del Massico, Grazzanise e Villa Literno.

L’articolato sistema di intermediazione illecita di manodopera si basava sul bisogno di lavorare soprattutto di persone immigrate, di varia nazionalità, ovvero provenienti da varie Paesi africani ma anche dell’Est Europa; si calcola che tra Mondragone e Castel Volturno vivano oltre 15mila immigrati non regolari. I braccianti – è emerso – venivano reclutati quotidianamente dai due caporali, anch’essi imprenditori agricoli, per essere portati a raccogliere frutta e altri prodotti nei fondi di proprietà della società di capitali, in particolare nei comuni di Mondragone e Falciano del Massico; in tal modo gli imprenditori agricoli hanno risparmiato decine di migliaia di euro riducendo del 200% il costo del lavoro, non pagando ovviamente sui lavoratori né tasse, nè contributi. Le indagini sono partite nel 2017, e sono andate avanti senza alcuna denuncia da parte delle vittime